per-un-uso-corretto-della-volontaCome usiamo la nostra volontà? Ma soprattutto questa volontà è realmente un prodotto della nostra persona? Quello che scegliamo nella nostra vita, sia che riguardi la professione che la sfera personale, è costantemente influenzato da numerosi fattori.
Intorno a noi ci sono molte interferenze che di continuo emettono il loro messaggio e alle quali noi reagiamo, a volte assorbendole, altre facendoci bloccare dal segnale che ci arriva. Queste interferenze parlano dell’impossibilità di decidere, perché c’è la crisi, perché non abbiamo scelta, perché la nostra condizione è determinata dal mercato, dal destino, dal governo e che magari, dovremmo già ritenerci fortunati di riuscire a “sopravvivere”.
A questo punto, possiamo capire che l’uso della nostra volontà, deve necessariamente essere affrancato da questi condizionamenti per poter essere realmente l’espressione del nostro volere. Per ovviare il più possibile al controllo negativo di queste forze, dobbiamo porci prima di tutto delle domande fondamentali che sono importantissime per focalizzare le nostre priorità.
“Come voglio essere?”
“Come voglio vivere la mia vita?”
“Come posso fare perché il mio lavoro diventi realmente, una parte del mio modo di essere?”
Se la scelta che ci accingiamo a fare è coerente con quello che è più importante per noi, potremo attivare il potere della chiarezza mentale.
Riscontriamo, in questo modo di procedere, l’impronta indispensabile della stima di sé. Come più volte ho ribadito, la nostra autostima è determinante nei processi psicologici che affrontiamo.
Sapere di essere in grado di scegliere, ci aiuta ad avere il coraggio di domandarci : “Come mi sento riguardo alla situazione che sto vivendo?” e ancora “Qual è il tipo di scelta che posso applicare?”
La cosa importante è ricordare sempre che noi “abbiamo il potere di scegliere”. La conseguenza di aver preso coscienza di possedere questo potere, è l’impegno che dobbiamo mettere nel lasciar andare la paura di eventuali conseguenze. Siamo stati programmati per evitare accuratamente il rischio, come soluzione pericolosa. Ci hanno insegnato a viverlo con angoscia e non come possibilità di esperienza e crescita.
Se non investiamo in noi stessi, se non rischiamo mettendo in gioco la nostra comoda quotidianità, non potremo dire di aver veramente vissuto la nostra vita.

 

HAI DOMANDE O COMMENTI? SCRIVIMI!

ATTENZIONE: i commenti di questo blog sono stati disattivati per evitare di raccogliere i dati degli utenti. Di conseguenza, è preferibile inviare domande e commenti direttamente via email all’indirizzo vitianamontana[chiocciola]gmail.com. I vostri dati personali saranno tutelati, in questo caso, dalle norme sulla privacy di Google, essendo tale casella postale gestita tramite GMail.

error: Content is protected !!