“È la nostra luce, non la nostra ombra, quella che ci spaventa di più.”

NELSON MANDELA

Riuscire a illuminare con la luce della consapevolezza e poter assegnare un nome a ciò di cui abbiamo paura, è una delle riflessioni più complete che esistono per comprendere noi stesse. Le risposte a questo tipo di emozioni si trovano dentro al nostro animo ed è proprio grazie a questi due gesti che riusciamo a determinare gli automatismi che ci permetteranno di individuarle. Il vostro quaderno o il diario, saranno lo strumento indispensabile che vi aiuterà a progredire più velocemente, portatelo dunque sempre con voi.

Illuminare quello che temiamo

Si tratta di portare consapevolezza su qualcosa che vi fa paura, che vi angoscia o che vi crea disagio. Quando vivete questo tipo di sensazioni, consentitevi di osservare quali sentimenti avete nel vostro animo o che notate intorno a voi, senza esprimere giudizio o pretendere di avere risposte immediate. Esercitate solo una sana curiosità. Per mettere in campo la sincerità e l’onestà verso voi stesse, dovete prima di tutto essere certe che una data cosa esista. Mettere in evidenza qualcosa di voi, vi permetterà di diventare più intuitive. Vi accorgerete di possibili incoerenze, di opposizioni e, piano piano, arriverete a capire che cosa è connesso con la vostra vera natura e cosa invece non lo sia.

Magari scoprirete che molte delle cose che avete desiderato, in realtà non erano proprio quello che volevate. Passare ad un grado superiore nel lavoro, quel posto a cui ambivate tanto in realtà porterebbe via tempo prezioso sottraendolo ai figli, agli affetti più cari o ai vostri obiettivi più grandi. Potreste avere difficoltà ad ammettere questa cosa perché temete di apparire troppo tradizionali, poco emancipate. O forse, dentro di voi, sapete di non desiderare assolutamente dei figli, ma soffocate questa vostra verità per paura di deludere i vostri stessi genitori o il vostro compagno. Va tutto bene. Avete diritto a dire e fare quello che va bene per voi. Permettetevi di portare consapevolezza di che tipo di realtà volete fare entrare nella vostra vita.

Dare un nome a ciò che ci crea disagio è fondamentale. Una volta che avete individuato una situazione difficile da accettare, un tratto caratteriale complicato da sciogliere, potreste essere tentate di cedere nuovamente alla sua negazione. È in questo momento che dovete avere la forza di amarvi ancora di più, senza giudizio, e permettervi di superare con dolcezza questo nodo di resistenza. Solo dandovi amore potrete oltrepassare questi ostacoli così radicati e proseguire più serene nella costruzione del vostro vero io.

Parlo di questo e altri argomenti legati alla realizzazione personale della Donna, nel mio libro “Prometto a Me Stessa”. Cliccate sulla copertina qui di seguito per leggere la sinossi.

Versione Kindle: https://amzn.to/33KabkP

Versione Cartacea: https://amzn.to/33KabkP

Buona Lettura!

 
error: Content is protected !!